Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali?

L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali? 25/03/2015 21:35 #7

  • Paolino79
  • Avatar di Paolino79
  • ADESSO ONLINE
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 296
  • Ringraziamenti ricevuti 3
  • Karma: 2
il topic è davvero impegnativo dei 4 punti posso rispondere solo sul freddo :unsure: :unsure: :unsure:
Amazza Andrea che te sei respirato?? :woohoo: :woohoo: :woohoo:
Io non ho più freddo quando uso Tmx
Anche abbondanti 40/50 % per 70/80 minuti al lago di inverno
Non ho più freddo che quando uso aria

Penso di avere un bella sopportazione al freddo ma non ho accusato la differenza
Devo dire che ho più freddo quando inizio la deco EAN50 a 21 mt forse aumento della frazione di ossigeno....ma non saprei....

Per quanto riguarda il punto 3, probabilmente non c'entra un cazzo o poco con la richiesta del mitico Manetta, ma ci sono alcune teorie che sposano il concetto di tenere in curva azoto ,limitandone assorbimento ,aumentando la frazione di He nelle miscela
Obiettivo dover controllare la desaturazione di un solo gas, poiché altro azoto ne hai assorbito poco.........
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali? 26/03/2015 08:07 #8

  • Lorenzo
  • Avatar di Lorenzo
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1522
  • Ringraziamenti ricevuti 14
  • Karma: 3
Ciao Paolino, l'effetto freddo che dici è lo stesso a cui mi riferivo.
Relativamente al tenere in curva l'azoto, credo di sapere da dove esce questa cosa, ma non mi trovo d'accordo. Per questioni di solubilití  e affinití , i quantitativi di inerti in gioco e le profondití  a cui questi iniziano a desaturare, sono differenti.
Si potrebbe quasi dire - in modo molto empirico - che quando arrivi al primo cambio gas, l'He è gií  quasi del tutto eliminato e le soste sono finalizzate soprattutto alla desaturazione del N2. Se questo fosse "in curva", i tempi di deco sarebbero molto brevi.
Forse in questo modo si spiegano delle deco molto brevi rispetto alla medie che alcuni fanno.
Ma ripeto, quanto dico è dettato da sensazioni ed esperienze più che da dati scientifici, quindi è certamente una minchiata!
Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali? 26/03/2015 09:12 #9

  • manetta
  • Avatar di manetta
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • who dares wins
  • Messaggi: 322
  • Ringraziamenti ricevuti 8
  • Karma: 0
.... quindi è certamente una minchiata! ..... ahahah.... ma guarda che sei forte.....

ma siamo , o non siamo, qui per dire, anche, minchiate? ( almeno finchè non arriva l' ISIS ... :evil: )
Stai tra Paolino ( che poi... Paolino e sei alto 2 metri.... almeno cosí¬ sembra dalle foto :cheer: ) che non respiro niente di "strano" , nel mio piccolo ancora più di un 50%, +o-, di Elio non ho assunto (per assunzione altre sostanze ... top secret B) ).
Anche io sopporto da brutto il freddo, anche il caldo se è per questo ... , mi riferivo a quello che sembra essere un "incontrovertibile dato accademico" di tutti, o quasi, i corsi/manuali Trimix. La prima cosa che senti, o ti dicono, quando si parla di Trimix è sempre la stessa: SENTIRAI FREDDO! ( solo uno, a dire il vero, quando chiedevo lumi mi rispondeva con un'alzata di spalle ed un mahhh..... neanche a farlo apposta era un vecchio sub, con migliaia di ore sott'acqua, avvezzo all'aria profonda, tra i primi a scendere con l'Heliair, istruttore ipossico, tra l'altro, diventato in seguito mio amico e "rilasciatore" di brevetti al sottoscritto. Mi ricordo la prima volta che acconsentí¬ a portarmi su una secca, in aria, nel blu, intorno ai -55, cosa rispose a mia moglie che gli chiedeva come mai mi portava a quelle quote visto che lo aveva sempre sentito dire che i 50 non sono per tutti, e non si riferiva solo all'aria...: " si, ma lui ... " è sempre stato di poche parole ).

Tornando a bomba chiedevo ad una platea più vasta la stessa cosa, visto che anche a me è sembrato che respirare un poco di Elio per pochi minuti non facesse sentire cosí¬ freddo, ma io riesco a stare fuori a lavorare anche con temperature polari e, quindi, non faccio storia. Per il freddo al cambio gas penso sia una questione sia fisica/mentale ( "relax", calo " di tensione", sto risalendo, il più è fatto ...), sia fisiologica ( scambio gassoso accelerato con "asportazione" calore/umidití /disidratazione , inizio processo di vasocostrizione)

Per quanto riguarda il tenere l'azoto "in curva" nelle immersioni Trimix penso che, per quanto non sia niente di assoluto, male non può fare, se poi non lo facciamo ... basta non avere fretta di uscire dall'acqua, dov'è il problema? ( rispetto alla desaturazione del solo Azoto ... )
Invece per quanto riguarda la "minchiata" di apertura ... non penso che l'Elio sia del tutto eliminato, le soste non servono solo per l'eliminazione dell'Azoto ( anche perchè nelle "normali" immersioni in Trimix comunque siamo dalle parti della curva...), ma, e oserei dire sopratutto, per dare tempo al l'Elio di "slegarsi" dalle altre molecole più pesanti in qui è rimasto "intrappolato" in risalita quando, trasportato e non metabolizzato, si è "incuneato" ovunque e sicuramente non in forma sferica... Provate ad immaginare uno "spazio libero tra i tessuti" di forma triangolare ( tanto per dire, una forma non perfettamente sferica) e l'Elio che arrivato in questo spazio si espande e lo "riempie" essendo la molecola più leggera presente in quel frangente. Per riuscire a "farlo uscire" ce ne vuole... e qui l'Ossigeno diventa la cavalleria.
Sembra poi accertato che infinitesime tracce di Elio rimangano, comunque, presenti nel nostro corpo anche dopo una perfetta decompressione ed in modo asintomatico, addirittura sembra che questo "favorisca" in qualche modo una maggior "tolleranza" alle successive immersioni in Trimix ( certo non fatte dopo un mese...), ma forse adesso sono io ad aver detto una minchiata!

Ci sarebbe poi da fare un bel discorsetto sulla velocití  di discesa, sopratutto sulle "ripetitive" ( anche dopo qualche ora ... ) in Trimix, ma ... tempo al tempo, mi sa che ancora possiamo andare avanti ad analizzare quanto scritto per un certo tempo.

Manetta
mai strach


l'Uomo non può scoprire nuovi oceani, se non trova il coraggio di perdere di vista la riva.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali? 26/03/2015 22:03 #10

  • Paolino79
  • Avatar di Paolino79
  • ADESSO ONLINE
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 296
  • Ringraziamenti ricevuti 3
  • Karma: 2
Lorenzo ha scritto:
Ciao Paolino, l'effetto freddo che dici è lo stesso a cui mi riferivo.
Relativamente al tenere in curva l'azoto, credo di sapere da dove esce questa cosa, ma non mi trovo d'accordo. Per questioni di solubilití  e affinití , i quantitativi di inerti in gioco e le profondití  a cui questi iniziano a desaturare, sono differenti.
Si potrebbe quasi dire - in modo molto empirico - che quando arrivi al primo cambio gas, l'He è gií  quasi del tutto eliminato e le soste sono finalizzate soprattutto alla desaturazione del N2. Se questo fosse "in curva", i tempi di deco sarebbero molto brevi.
Forse in questo modo si spiegano delle deco molto brevi rispetto alla medie che alcuni fanno.
Ma ripeto, quanto dico è dettato da sensazioni ed esperienze più che da dati scientifici, quindi è certamente una minchiata!

Ciao Lorenzo e Manetta

Mi rendo conto che sull'elio ancora meno che sull'aria dati scientifici non ce ne sono
Questa cosa dell'azoto in curva nasce da UTR ,i miei soci sono di quella didattica .Onestamente riallacciandomi a Manetta non penso possa fare male.
Non vedo come un aggravante.

Anche se questo vuol dire fare tmx belli carichi, e al portafogli sicuramente fa male :lol: :cheer:
Battute a parte , quale gas è amico elio o l'azoto?
Elio ne entra parecchio molecola più piccola ha tempi di emisaturazione 50% più veloci dell'azoto....
Perché dite che fa fatica ad uscire? in teoria dovrebbe eliminarsi più velocemente

mi fermo perché di minchiate forse ne ho gií  dette :blink: :blink:
Ultima modifica: 26/03/2015 22:03 da Paolino79.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali? 27/03/2015 06:02 #11

  • superembolo
  • Avatar di superembolo
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 436
  • Ringraziamenti ricevuti 1
  • Karma: 0
hai detto bene, immersioni elio ossigeno esci prima di un immersione trimix, e non cercate spiegazioni, se non era cosi in ambito lavorativo e militare si usava quello, ribadisco che se si usciva prima, costava meno, e desaturava prima le ditte non sono stupide usavano trimix. poi avevo un maestro( chiamavo cosi perché mi ha insegnato tutto nella subacquea) che mi diceva senpre più gas hai, più rotture si coglioni hai in dec,
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali? 27/03/2015 06:38 #12

  • contemascetti
  • Avatar di contemascetti
  • OFFLINE
  • Junior Boarder
  • Messaggi: 35
  • Ringraziamenti ricevuti 2
  • Karma: 0
Ciao a tutti, nelle mia nulla esperienza ( 15 tuffi tmx ) devo dire che non ho patito più freddo rispetto alle usuali in aria 20-22 min a quote tra i 55 e i 65 ) . Riguardo l elio , non è lui il mio "nemico".....quello rimane sempre lui , Sua Bastardezza l' azoto !!!
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.075 secondi

Traduttore