Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali?

L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali? 01/04/2015 19:48 #25

  • contemascetti
  • Avatar di contemascetti
  • OFFLINE
  • Junior Boarder
  • Messaggi: 35
  • Ringraziamenti ricevuti 2
  • Karma: 0
Ciao !
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali? 01/04/2015 20:07 #26

  • manetta
  • Avatar di manetta
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • who dares wins
  • Messaggi: 362
  • Ringraziamenti ricevuti 8
  • Karma: 0
nuovo gioco? indovina chi viene a cena?
stavo per riprendere, ma mi avete "spiazzato". Devo tornare "serio" e "cattedratico" , ci vuole tempo, mi devo concentrare, entrare nella parte, ci sentiamo domani. Ciao piccioncini.... io, comunque, non sono geloso, fate pure. Sono per la coppia aperta.
mai strach


l'Uomo non può scoprire nuovi oceani, se non trova il coraggio di perdere di vista la riva.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali? 10/04/2015 20:27 #27

  • manetta
  • Avatar di manetta
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • who dares wins
  • Messaggi: 362
  • Ringraziamenti ricevuti 8
  • Karma: 0
Ah ... eccoci qua, dunque ... allora, dov'eravamo rimasti? Tanta roba, cominciamo pure a (ri)dire qualche minchiata delle nostre.

Superembolo, col suo solito stile "colorito", si chiedeva perché cazzo si erano inventati questo Trimix, chi cazzo lo avesse mai inventato e a che cazzo mai servisse ( ... lo ammetto, ho calcato un po la mano ... :) :P ).
Se non sbaglio qualcuno si era gií  accorto, lo aveva più che altro ipotizzato, che aggiungere una certa quantití  di Elio all'aria respirata potesse attenuare la allora cosidetta malattia dei cassoni circa un'ottantina di anni orsono +o- , quindi, se non erro, il "Trimix" esiste da sempre e da prima dell'Heliox che ne è stata una naturale conseguenza. Ovviamente poi è stato verificata la giustezza dell'assunto teorico e da qui ... TOP SECRET ( o quasi...) fino allo "sdoganamento" commerciale del tutto in anni relativamente recenti, con la riscoperta dell'acqua calda, ma da propinarsi alla massa ( cioè a me e a, quasi, tutti voi) come il fiume sacro che sgorga dalla sorgente segreta a piccole dosi e di cui qualcuno poteva chiudere ed aprire a piacere il rubinetto. Ovviamente qualcuno sa tutto e lo ha sempre saputo, militari e grandi societí  commerciali operanti nel settore come Comex e, ai tempi, Saipem. Niente di nuovo sotto il sole, d'accordo. Quello che veramente è in "evoluzione" è il "settore" deco, teorie, analisi mediche, studi scientifici, nuove scoperte o vecchie conferme, è un libro aperto.
Tornando a bomba un conto è un bounce, un altro stare a fondo in saturazione, cosí¬ come un conto è scendere a 30 metri al minuto ( per non dire dei 100 di certi vecchi corallari) respirando Heliox, un altro metterci 1 ora per arrivare a 100 metri. Lavorando in saturazione dici che l'HPNS arriva dopo i 300 metri ( :woohoo: ), ma questo perchè si scende con tempi lunghi e quindi arriva "dopo" ( e sappiamo che è soggettiva e non "controllabile"), se scendi a bomba con bombole in spalla non aspetta i 300 metri per venirti a trovare ... di solito dopo 130-150 ... bum! Se scendi con bombole in spalla e vai piano ... poi ancora più lento devi tornare ... ( hai voglia a portarti gas appresso!). Questi sono comunque discorsi "ipertecnici", ma volevi qualcosa di interessante ... è che forse diventa "troppo", e quindi "meno", interessante per i più.
Ci sarebbe ancora molto altro, non tutto si ferma all'END , perché oltre la pressione parziale relativa delle frazioni di gas bisognerebbe anche tener conto della pressione idrostatica assoluta, della tensione superficiale indotta delle bolle, della velocití  di discesa, di risalita, di ridiscesa ... e non tutti i gas si comportano allo stesso modo. Tante variabili in gioco, tante discipline scientifiche correlate, fisica, meccanica, moto proprio e relativo, costanti matematiche ecc. ecc. ecc. ... un casino.
Menomale che fino ai 120-130 metri possiamo giocare relativamente facile e divertirci con le nostre bolle di sapone ...
Mi sembra che anche la storia dell'Ossigeno che viene considerato alla stregua dell'Azoto come valore narcotico non sia poi cosí¬ campata in aria ... come pensa Superembolo ( almeno cosí¬ mi sembra di ricordare che dicevi in un vecchio intervento), perchè il problema non è quando è da solo ( li è un discorso di pressione e tossicití , come ben sappiamo), ma proprio quando è legato all'azoto ed insieme vengono sottoposti a pressione ( guarda caso...) che l'Ossigeno diventa, cosí¬ sembrerebbe, narcotico almeno quanto l'Azoto, ragion per cui bisognerebbe sempre ragionare in termini di EAD più che di sola END.
Facciamola semplice, diciamo che ( tanto per non istigare a delinquere qualche mente innocente) se oltre i 30 metri sembra si inizi a sentire la narcosi e che oltre i 40 sembra che sia più "pericolosa" restiamo a metí  e teniamo una EAD di 35 che andiamo sul sicuro ... per le relative frazioni di O2 e N2 fate voi, a scelta ( la frazione totale di Ossigeno + Azoto 0,45, il resto Elio). Questa però mi sembra di averla gií  letta da qualche parte, magari tra le righe, forse nel manuale "il sommozzatore Trimix" della T.S.A. , adesso sta a vedere che mi riabilitano pure l'Heliair ...
Bye.




P.S. se poi la frazione totale arriva a 0,5 non muore nessuno, almeno spero ... anzi, facciamo cosí¬... non prendetemi sul serio, fate come volete, come vi hanno insegnato e non date credito alle minchiate del sottoscritto che poi, tanto, io scendo in aria fino ai ... :silly: :whistle: :silly:
mai strach


l'Uomo non può scoprire nuovi oceani, se non trova il coraggio di perdere di vista la riva.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali? 14/04/2015 07:36 #28

  • manetta
  • Avatar di manetta
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • who dares wins
  • Messaggi: 362
  • Ringraziamenti ricevuti 8
  • Karma: 0
manetta ha scritto:


Facciamola semplice, diciamo che ( tanto per non istigare a delinquere qualche mente innocente) se oltre i 30 metri sembra si inizi a sentire la narcosi e che oltre i 40 sembra che sia più "pericolosa" restiamo a metí  e teniamo una EAD di 35 che andiamo sul sicuro ... per le relative frazioni di O2 e N2 fate voi, a scelta ( la frazione totale di Ossigeno + Azoto 0,45, il resto Elio). Questa però mi sembra di averla gií  letta da qualche parte, magari tra le righe, forse nel manuale "il sommozzatore Trimix" della T.S.A. , adesso sta a vedere che mi riabilitano pure l'Heliair ...
Bye.




P.S. se poi la frazione totale arriva a 0,5 non muore nessuno, almeno spero ... anzi, facciamo cosí¬... non prendetemi sul serio, fate come volete, come vi hanno insegnato e non date credito alle minchiate del sottoscritto che poi, tanto, io scendo in aria fino ai ... :silly: :whistle: :silly:



Errata corrige... :silly: :oops: :S mi sono accorto di non essere stato molto chiaro e preciso con quest'ultima considerazione :whistle: , sapevo cosa dicevo, ma ho fatto un po di casino con le virgole e gli zeri ... ovviamente ( altrimenti le nostre miscele trimix avrebbero "sempre" lo stesso contenuto di elio.... :woohoo: :woohoo: :lol: :lol: :lol: ).

Chi voleva capire avrí  capito lo stesso, ma ... questo era quello che avrei dovuto scrivere (e non solo pensare :P ): dunque, il ragionamento ( per quello che vale ... :whistle: ) era questo: teniamo una EAD di 35 metri per "andare sul sicuro". Questo equivale, ovviamente, ad una pressione totale di 4,5 ATA. Teniamo costante questa pressione (indipendentemente dalle frazioni parziali di O2 e N2 al suo interno), come risultante del calcolo rispetto alla profondití  massima, operativa, prevista per la ns. immersione, il resto Elio. ( quindi NON 0,45, ma 4,5 :blush: )

Esempio, vogliamo fare 60 mt in trimix ( esempio... poi fatelo pure in aria, in nitrox, in heliair, in heliox, in hydrox, in neox , fate voi ), il calcolo sarí : 4,5/7= 0,64 questa sarí  la frazione totale di O2+N2 della ns. miscela respiratoria, il resto He.
Vogliamo fare i 100 metri: 4,5/11=0,40, il resto He.

Se poi, dicevo, al posto di 4,5 diventa 5 ( e non 0,5 ... :oops: ).... ci siamo capiti.





Ribadisco il P.S.

... anzi, facciamo cosí¬... non prendetemi sul serio, fate come volete, come vi hanno insegnato e non date credito alle minchiate del sottoscritto che poi, tanto, io scendo in aria fino ai ... :silly: :whistle: :silly:[/quote]
mai strach


l'Uomo non può scoprire nuovi oceani, se non trova il coraggio di perdere di vista la riva.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali? 14/04/2015 18:54 #29

  • poseidon
  • Avatar di poseidon
  • OFFLINE
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 242
  • Ringraziamenti ricevuti 8
  • Karma: -4
Minkia quanto scrivi :cheer:
Se in tre variabili, fissi la frazione di elio, la somma delle frazioni di O2 e N2 rimane costante e quindi costante l'END!!!
Il tuo calcolo di 4,5/7 ......4,5/11, é corretto, ma non riferito all'EAD.
Ciao
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

L'Elio, questo sconosciuto, ovvero è o non è la panacea per tutti i mali? 14/04/2015 21:34 #30

  • manetta
  • Avatar di manetta
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • who dares wins
  • Messaggi: 362
  • Ringraziamenti ricevuti 8
  • Karma: 0
poseidon ha scritto:
Minkia quanto scrivi :cheer:
Se in tre variabili, fissi la frazione di elio, la somma delle frazioni di O2 e N2 rimane costante e quindi costante l'END!!!
Il tuo calcolo di 4,5/7 ......4,5/11, é corretto, ma non riferito all'EAD.
Ciao




....... :) :) :) :) :) :) :) :) ..... ciao Poseidon .... volendo potrei anche insistere e scrivere un po di più, magari cosí¬ qualcun'altro si desta dal letargo ;) .... se non altro per mandarmi aff...ulo..... :lol: :lol: :lol: , piacere di conoscerti :) .



Se le frazioni di O2 e N2 le vuoi lasciare costanti, fallo pure ... (nel mio esempio/elucubrazione mentale lasciavo ampia facoltí  al libero arbitrio ;) ), in quel caso è ovvio che l'END rimanga costante ( questo succede con l'Heliair, dove il rapporto tra O2 e N2 è giocoforza costante, ma in quel caso sono costanti anche le frazioni di HE, in percentuale, rispetto all'aria), ma non è, non può, essere sempre la stessa se vari uno dei due gas ( O2 o N2).
Partendo dal presupposto che prima di tutto dobbiamo tenere il valore della PpO2 entro certi limiti di "sicurezza", ognuno deciderí  quanto rischio si vuole assumere respirando Ossigeno in profondití  a percentuali maggiori di 1/1,2, chiarisco con esempio:

Voglio andare a 100 metri ( per i 60 ... non è il caso di stare tanto a fare i farmacisti) e decido di adottare il valore di 4,5 ( più si scende, diciamo dai 70/80 in poi, più diminuisce il valore della pressione assoluta, di sicurezza, a cui fare riferimento: 4 e, anche 3,5), quindi 4,5/11=0,40 la frazione di "aria", 0,60 la frazione di Elio e fin qui ci siamo.
Se decido di andare sul prudenziale adottando una PpO2 di 1,2 allora avrò una frazione di O2, all'interno dei 0,40, di 0,11 e, di conseguenza, una frazione restante di N2 di 0,29 per una END di 30 metri, ma avrò comunque una EAD equivalente di 35 metri dando per vero l'assunto che l'Ossigeno legato con l'Azoto e messo in pressione sia equivalente al potere narcotico dell'Azoto stesso.
Quale sarí , dunque, il vantaggio di alzare la frazione di Ossigeno all'interno dello 0,40? Si potrebbe anche dire nulla, ma non è proprio vero perché, a parte che l'Ossigeno si metabolizza e l'Azoto no e quindi l'Ossigeno non devo "decomprimerlo" in seguito, un'alta frazione di O2 (PpO2) aiuta a tenere "sotto controllo" la CO2 a pressioni elevate di quest'ultima e sappiamo che più si scende e meno ci vuole a stancarsi, produrre maggiore CO2 e rischiare l'affanno con tutte le conseguenze negative del caso...
Per adesso può bastare ... :) :silly: :whistle: , magari sbaglio, nel qual caso sarei ben lieto di confrontarmi con chi ne sa più del sottoscritto ( e non ci vuole molto...)
Ciao.
mai strach


l'Uomo non può scoprire nuovi oceani, se non trova il coraggio di perdere di vista la riva.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.078 secondi

Traduttore