Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: miscela da viaggio e break air

miscela da viaggio e break air 14/07/2011 19:25 #1

  • maverick70
  • Avatar di maverick70
  • OFFLINE
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 5
  • Karma: 0
Salve a tutti è un po' di tempo che noto che questo forum non è più tanto vivace come un tempo e per questo vorrei stimolare un po' la conversazione con due domande:
immaginiamo di aver programmato una immersione per una profondití  di 100 metri (sorvoliamo sul tempo in quanto non riveste grossa importanza per la nostra immersione ipotetica...) utilizzando un trimix 10/70 e portando una 21/35 ean 50 ed ossigeno puro.prima domanda: quale tra l'ean 50 e la 21/35 sfruttereste anche come miscela da viaggio non tenendo conto dei consumi(immaginiamo di averne a sufficienza di entrambe)
2) a quale pressione parziale di O2 lascereste la miscela da viaggio, o la lascereste appena diventa respirabile la miscela di fondo?
3)in risalita per i break air preferireste effettuarli con la 21/35 o con l'ean 50?
Quest'ultima domanda mi è venuta in mente parlando con degli amici di un'altra didattica che sostengono che effettuando i break air con l'ean 50 si mantiene aperta la finestra ad ossigeno ma secondo me a 6 metri con una pressione parziale di 02 di 0,8 la finestra ad ossigeno è bella che chiusa e la 21/35 essendo più ipossica mi garantisce una maggiore azione anti vasocostrittoria dovuta all'ossigeno puro ed una maggiore azione decompressiva.
Un salutone a tutti ed a presto
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

miscela da viaggio e break air 14/07/2011 23:37 #2

  • ruscamar
  • Avatar di ruscamar
  • OFFLINE
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 6
  • Karma: 0
Opterei per una 21/35, in modo ra riservare la 10/70 alla porzione ove è richiesta, cercando il massimo controllo della PpO2.
La 21/35 sarebbe d'uopo anche in risalita, quale terza miscela di deco ed ad evitare problemi ipossici sempre possibili e pericolosi.
Procederei sempre cercando massimo di sicurezza, minimi problemi di narcosi ed ampia ridondanza dei gas d disposizione.
Parere personale, ovviamente.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

miscela da viaggio e break air 15/07/2011 09:00 #3

  • Lorenzo
  • Avatar di Lorenzo
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1520
  • Ringraziamenti ricevuti 14
  • Karma: 3
Personalmente utilizzerei la 21/35 fino ad una profondití  di circa 45 metri, in modo da avere margine per fare un cambio gas "volante" cioè senza dovermi fermare (ovviamente in discesa).
I break li farei con il gas a più bassa fO2 possibile; se respirabile alla quota del break, anche con il gas di fondo (ad esempio se fai il break a 9 mt prima di utilizzare l'O2).
La OW durante il break non mi interessa; lo scopo è quello di far "rilassare" gli alveoli per ottimizzare gli scambi gassosi che altrimenti non sono efficaci come dovrebbero. Se uso l'EAN50 e "tengo aperta" la finestra non sto facendo il break (che comunque si fa anche dopo cicli sufficientemente lunghi di EAN50...), quindi non ottengo l'effetto sperato sugli alveoli polmonari.
Spero che il concetto di tenere aperta la OW non sottointenda che cosí¬ facendo posso utilizzare come tempo deco anche quello dei break invece che aggiungerlo: come dicevo, gli scambi gassosi non sarebbero efficienti e si accorcerebbe il tempo deco...[B)]
Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

miscela da viaggio e break air 15/07/2011 09:46 #4

  • danilotek
  • Avatar di danilotek
  • OFFLINE
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 318
  • Karma: 1
Ciao a tutti,
Io uso per quelle quote Tx 10/52, i gas deco Aria e O2.
i cambi in discesa li faccio appena posso di solito intorno ai -10 mt e in risalita intorno ai 50-55 mt, le pause respirando O2 dipendono da quantoO2 devo fare. Per la ow penso che Lorenzo abbia dato in sintesi la risposta giusta.
Buona giornata
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

miscela da viaggio e break air 15/07/2011 09:56 #5

  • paparus
  • Avatar di paparus
  • OFFLINE
  • Junior Boarder
  • Messaggi: 33
  • Karma: 0
ciao a tutti
provo a dire la mia "rubando" le affermazioni di lorenzo


<div class="quote"><i>Messaggio di Lorenzo</i>
<br />Personalmente utilizzerei la 21/35 fino ad una profondití  di circa 45 metri<font color="red"></font id="red">....
<font color="red">concordo e sottolineo il fatto che cosí¬ facendo rendo meno brusco il salto da miscela di viaggio a miscela di fondo per quanto riguarda l' he</font id="red"><font color="black"></font id="black">

I break li farei con il gas a più bassa fO2 possibile

<font color="red"></font id="red"><font color="red">teniamo d' occhio il cns?</font id="red"> [^][^][^] <font color="black"></font id="black">



; se respirabile alla quota del break, anche con il gas di fondo


<font color="red"></font id="red"><font color="red">mah!?! cosí¬ non re-introduci he in tessuti che si stanno desaturando di quell' inerte? </font id="red"><font color="black"></font id="black">



<font color="red"></font id="red"><font color="red">secondo me il discorso ow è più complesso.
l' apertura della finestra dell' o2 dipende sí¬ dalla ppo2 respirata, ma la sua efficacia in termini di drenaggio dell' inerte dal tessuto dipende anche dalla frazione dell' inerte contenuto nella miscela respirata.
maggiore è questa frazione, minore è l' efficacia del drenaggio, perchè pur portando via inerte dal tessuto, respirando ne inserisco dell' altro (detta un pò cosí¬, eh?)</font id="red"><font color="black"></font id="black">


La OW durante il break non mi interessa; lo scopo è quello di far "rilassare" gli alveoli per ottimizzare gli scambi gassosi che altrimenti non sono efficaci come dovrebbero.


<font color="red"></font id="red"><font color="red">d' accordissimo. aggiungerei che è importante, a tal fine, anche una corretta respirazione (è una banalití , lo so)</font id="red"><font color="black"></font id="black">

Se uso l'EAN50 e "tengo aperta" la finestra non sto facendo il break

<font color="red"></font id="red"><font color="red">concordo nel separare nettamente la funzione dell' air break dalla funzione deco</font id="red">
<font color="black"></font id="black">

(che comunque si fa anche dopo cicli sufficientemente lunghi di EAN50...), quindi non ottengo l'effetto sperato sugli alveoli polmonari.
Spero che il concetto di tenere aperta la OW non sottointenda che cosí¬ facendo posso utilizzare come tempo deco anche quello dei break invece che aggiungerlo: come dicevo, gli scambi gassosi non sarebbero efficienti e si accorcerebbe il tempo deco...[B)]
</div class="quote">

<font color="red"></font id="red">buon week end a tutti
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

miscela da viaggio e break air 15/07/2011 13:00 #6

  • Lorenzo
  • Avatar di Lorenzo
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1520
  • Ringraziamenti ricevuti 14
  • Karma: 3
<div class="quote"><i>Messaggio di paparus</i>
<br />ciao a tutti
<div class="quote"><i>Messaggio di Lorenzo</i>

; se respirabile alla quota del break, anche con il gas di fondo

<font color="red"></font id="red"><font color="red">mah!?! cosí¬ non re-introduci he in tessuti che si stanno desaturando di quell' inerte? </font id="red"><font color="black"></font id="black">

</div class="quote">

</div class="quote">

Ciao, credo di poter dire di no. Il break comunque lo fai a 9 o a 6 metri (potresti farlo anche a 3 ma secondo me ha poco senso...), e se anche dovesse esserci assorbimento e non desaturazione, non credo che 5/6'siano determinanti ai fini della deco residua.
E' ovviamente un parere...[;)]
Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.035 secondi

Traduttore