Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Nuovo incidente

Nuovo incidente 18/09/2006 14:37 #1

Ho sentito dire che sul lago maggiore è successo un incidente mortale ad un sub esperto. Sapete qualcosa?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuovo incidente 18/09/2006 17:40 #2

  • zanzi65
  • Avatar di zanzi65
  • OFFLINE
  • Senior Boarder
  • Messaggi: 45
  • Karma: 0
www3.varesenews.it/varese/articolo.php?id=55943
Mi e' stato segnalato un articolo al link sopra, che credo parli dell'incidente a cui ti riferisci.
Ciao
Monica
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuovo incidente 18/09/2006 18:18 #3

  • gianni nava
  • Avatar di gianni nava
  • OFFLINE
  • Senior Boarder
  • Messaggi: 55
  • Karma: 0
Esatto tra l'altro vi si legge:

si era calato affiancando un'immersione didattica di un istruttore che conosceva e due allievi, con lo scopo di provare le attrezzature in vista di una manifestazione prevista per il 30 settembre e il primo ottobre nelle acque di Tronzano, e organizzata dal DAN.

Come mai è rimasto sul fondo ....

Siamo sempre davanti alle solite domande che resteranno senza risposta???



L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuovo incidente 18/09/2006 18:58 #4

  • requin
  • Avatar di requin
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 634
  • Karma: 0
Ciao a tutti
Preciso che ho avuto le prime informazioni da un mio amico di Bolzano che, questa estate in agosto ha conosciuto in barca in Mar Rosso, la persona che ha avuto l'incidente; mi ha parlato di un sub molto appassionato e di grandissima esperienza e di una persona di grande simpatia ed umanití , al punto tale da fornirmi il suo numero di telefono per intraprendere eventuali contatti di collaborazione.
Pare che, mentre gli altri sono saliti, sia rimasto in acqua per eseguire qualche prova di assetto e poi non è più riemerso.
Data la grandissima esperienza e professionalití  dell'infortunato e la dinamica dell'incidente potrebbe essersi trattato di un malore improvviso.
Comunque il mio amico conosce un familiare stretto della persona che ha avuto l'incidente, se dovessi avere nuove e più precise informazioni non mancherò di segnalarle sul forum.

Anche io poi ho letto le info su Varese News che riporto di seguito integralmente:

<font color="red"><i>Una domenica fatale per Gian Mario Esposito, il sub varesino morto a Castelveccana mentre si stava allenando per una manifestazione che si terrí  sul lago Maggiore a fine mese.
Le ricerche sono scattate subito, appena gli altri sub si sono resi conto che Gian Mario non risaliva. (nelle foto, scattate con un cellulare, alcuni momenti delle ricerche). I sommozzatori dei vigili del fuoco da mezzogiorno hanno dispiegato un gran numero di forze di soccorso accorse da Como, Milano e Torino, oltre che da Varese, nelle acque di Castelveccana, più precisamente in localití  Punta Granelli.
La localizzazione del sub senza vita è avvenuta una prima volta alle 15,45 a circa 45 metri di profondití  ma non è stato possibile da subito il recupero del corpo. Le operazioni hanno seguito una procedura standard, per cui al corpo è stato legato un filo con un segnale per renderlo riconoscibile in superficie. Ma qualcosa in queste manovre è andato storto e quando la seconda squadra di sub ha sostituito chi l'aveva trovato, ormai in debito d'aria, non è stata più in grado di localizzarlo e riportarlo a riva.
Le ricerche sono proseguite in una inusuale sessione notturna. Tutti i soccorritori coinvolti, anche se esausti, sono rimasti sulle rive di Castelveccana e da Milano è arrivata anche una telecamera subacquea illuminata. Intorno alla 1,30 il corpo del sub è stato nuovamente avvistato a 56 metri di profondití , grazie all'utilizzo di un robot. Questa volta le operazioni hanno permesso il recupero del sub.
Solo grazie all'autopsia si potranno conoscere le effettive cause del decesso.

Per cercare Gian Mario Esposito, sub molto esperto e punto di riferimento nei diving club varesini, si sono comunque mossi fin dall'inizio - dall'allarme dato da alcuni colleghi alle 11 di mattina - i vigili del fuoco di Varese e Luino, i pompieri sommozzatori di Milano e i colleghi di Como e Torino, con l'aiuto dell'elicottero dei vigili del fuoco di stanza a Malpensa.

Si può dire che Giampaolo Porretti conosceva Gian Mario Esposito, ma sarebbe decisamente riduttivo. Dal 1970 si immergevano insieme nelle acque del Varesotto e non solo, inizialmente nel VareseSub, primo club di appassionati della provincia, e poi nell'Ana Octosub, del quale Esposito era presidente e Poretti è addestratore del gruppo di sommozzatori della Protezione Civile, sotto il "cappello" dell'associazione nazionale alpini. Di quanto successo ieri, Porretti preferisce attendere lo sviluppo delle indagini: «L'eventuale autopsia e l'analisi della strumentazione di Gian Mario stabilirí  quali sono state le cause dell'incidente. íˆ certo che era un sommozzatore esperto e che non faceva scelte avventate». Parlare di rischi nelle immersioni è fuori luogo: Esposito era un sommozzatore espertissimo, con oltre 4000 immersioni alle spalle: «Le difficoltí  nelle immersioni nei nostri laghi – spiega Poretti – sono squisitamente di natura ambientale. L'acqua è più fredda di quella del mare, la luminosití  è scarsa, in superficie e fino a circa 5/6 metri ci sono delle sospensioni che impediscono il passaggio della luce. Immergersi è come andare in macchina: è più difficile guidare di notte e con i finestrini abbassati in inverno, ma è pur sempre guidare».
Come detto Porretti è un addestratore, insegna ad altri sommozzatori le tecniche per diventare operatore subacqueo, lo stesso brevetto che aveva Esposito: «Essere sommozzatore di Protezione Civile vuol dire saper intervenire in situazioni di emergenza – spiega -. Innanzitutto bisogna acquisire le tecniche di operativití  e conoscere gli ambienti, saper lavorare in gruppo e gestire una squadra di uomini, che deve essere completamente intercambiabile in ogni suo elemento. Infine il subacqueo intelligente è quello che non entra in acqua, che coordina il lavoro di chi si immerge dalla barca». Nel gruppo Ana Octosub ci sono 24 persone, altri gruppi agiscono sotto l'egida della Provincia: «Noi per l'addestramento utilizziamo le stesse tecniche dei Vigili del Fuoco. Loro sono professionisti, noi cerchiamo di essere il più professionali possibile – continua Porretti -. In come quello di ieri bisogna far lavorare i professionisti, evitare le tentazioni di protagonismo: troppo spesso vedo in giro giacchette gialle (quelle in dotazione alla Protezione Civile) troppo pulite e stirate. La legge e il buon senso impongono di far intervenire Vigili del Fuoco, Carabinieri o chi per loro, senza voler apparire a tutti i costi».
Infine, un ricordo di Gian Mario Esposito da parte di Giampaolo Porretti: «Era un uomo solare, aveva una simpatia ed una fantasia uniche, un'esuberanza sopra le righe – spiega -. Come uomo era un professionista di altissimo livello, un dentista che studiava l'uomo e tutto ciò che gli ruota intorno, dai denti ai piedi e viceversa: era un professionista di livello internazionale, docente universitario apprezzato. Sapeva aggregare gruppi di persone e coordinare il lavoro dei suoi uomini, un appassionato di subacquea che studiava per migliorare le proprie tecniche. Una grave perdita per tutti noi». </i> </font id="red">
Spero di essere stato utile.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuovo incidente 18/09/2006 23:18 #5

  • gianni nava
  • Avatar di gianni nava
  • OFFLINE
  • Senior Boarder
  • Messaggi: 55
  • Karma: 0
<b>Grazie delle spiegazioni e partecipando al dolore per la perdita di una brava persona, leggendo alcune parti dell'articolo:</b>

<font color="orange"><font color="green">< Esposito, che aveva sulle spalle centinaia di discese e faceva parte della squadra di protezione civile organizzata dal suo club, si era calato affiancando un'immersione didattica di un istruttore che conosceva e due allievi, con lo scopo di provare le attrezzature in vista di una manifestazione prevista per il 30 settembre e il primo ottobre nelle acque di Tronzano, e organizzata dal DAN.
Il DAN, Divers Alert Network, è un'organizzazione internazionale per la sicurezza dell'immersione.
Le condizioni per l'immersioni erano ideali e i quattro sub partiti insieme si sono poi separati. Salvo, una volta usciti dall'acqua, rendersi conto che Esposito non tornava più su: e sono proprio quelli che lo sapevano in acque tranquille ad allenarsi da solo a dare l'allarme.></font id="green"></font id="orange">

MI SORGE SPONTANEA UNA DOMANDA.
SE QUALCUNO FOSSE RIMASTO CON LUI SI SAREBBE POTUTO SALVARE?
PUO' ESSERE CONSIDERATA UNA MANCANZA DI QUELLA SICUREZZA CHE A PAROLE SI DICE SEMPRE DI VOLER CERCARE (tranne poi essere spesso clamorosamente smentiti nei fatti) L'ESSERE RIMASTO SOLO?

DOBBIAMO INSISTERE NEL CHIEDERE CON MAGGIOR FERMEZZA AI SOMMOZZATORI SPORTIVI DI NON IMMERGERSI DA SOLI?

Se Monica e Ziraldo avranno maggiori informazioni per risolvere i dubbi che credo oggi assillino la maggioranza di noi vi prego di darcene notizia.

L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuovo incidente 18/09/2006 23:57 #6

  • pick
  • Avatar di pick
  • OFFLINE
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 205
  • Karma: 0
Addolorato per la notizia della perdita di Gian Mario Esposito un collega appasionato subacqueo .Quando si sentono queste notizie non si hanno parole sufficenti per esprimere la tristezza e sgomento .
Mi unisco al lutto della comunití  subacquea.
Nick
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.046 secondi

Traduttore