Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Nuovo gav

Nuovo gav 08/04/2008 09:15 #67

  • molly
  • Avatar di molly
  • OFFLINE
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 193
  • Ringraziamenti ricevuti 3
  • Karma: 0
Ciao a tutti, sono Gianni Moliterni, l'amico e compagno di immersioni di Massimo, cui si riferiva parlando di utilizzo della stagna al posto del gav.
Senza entrare nel merito di questa scelta, magari apriamo un'altra discussione, vorrei ricordare alcuni aspetti, premettendo che io la penso come Massimo al 100%!.
Sarebbe molto interessante fare la prova suggerita da Massimo, io, anche scendendo veloce, ma mantenendo sempre il controllo (oltre non ha alcun senso e si perde ogni operativití ), non ho mai notato problemi o grosse differenze nell'utilizzo della stagna rispetto al jacket!
Parlando di doppio sacco, "sicurezza e ridondanza" e premesso che ho un 40+40, ma che non lo uso più, in quella veste, dal 2005 (troppo tardi!), li mettiamo gli elastici o no?! Con gli elastici, sono sicuro che per frenare un bel tuffo, anche incontrollato (sconsigliabile!) sia meglio la stagna!! Senza elastici con un 40+40 sembro una manta o un paracadutista ;)
Sempre per "sicurezza e ridondanza", nessuno a fatto l'ipotesi (o mi è sfuggita), di una rottura del corrugato. Io ero presente ad un caso analogo ed ho letto di un altro, certo si parla sempre di corrugati lunghi, quelli dei bisacco, per intenderci, che si "abbisciano" ovunque e che sembrano fatti per essere afferrati come appiglio "sicuro". Comunque ho sempre con me un corrugato di riserva, corto, nella borsa.
PADI mi sembra consigli l'uso della stagna in questo modo, ha sorpreso anche me quando lo lessi..., quindi, con tutti i limiti di PADI, il parere delle didattiche non è unanime.
Mi associo al parere ed ai consigli di Massimo, sub eccezionalmente preparato ed ogni settimana in acqua; io ti consiglio, inoltre, di non scommettere, perderesti ;)
M@lly
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuovo gav 08/04/2008 13:42 #68

  • Lorenzo
  • Avatar di Lorenzo
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1554
  • Ringraziamenti ricevuti 15
  • Karma: 3
Non ho capito a cosa ti riferisci quando parli degli elastici.
Se ben regolati - non mi riferisco alle foto pubblicate su manuali che definiscono gli elastici"catene", in cui sono palesemente mal regolati - per gonfiare il sacco alla sua massima capacití  basta premere il pulsante.
Per certo sacchi di quella capacití  senza elastici sono pressoché ingestibili.
Lorenzo
Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuovo gav 09/04/2008 13:00 #69

  • molly
  • Avatar di molly
  • OFFLINE
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 193
  • Ringraziamenti ricevuti 3
  • Karma: 0
Ciao Lorenzo, il mio riferimento agli elastici (necessari con "bisacco" diversamente ingestibili, concordo!), era relativo al ritardo che provocano, nel gonfiaggio del sacco, in una discesa incontrollata (sconsigliabile!). Ritardo se confrontato al gonfiaggio della stagna e quindi al venir meno del supposto vantaggio relativo a questo tipo jacket rispetto alla stagna.
Con questo non voglio consigliare questa procedura, solo sfatare la necessití  di jackets dai grossi volumi con doppi corrugati. Io li ho usati entrambi, provate pure voi prima di acquistarli se possibile.
Una mia allieva, very Pédi (PADI sarcastico ;), in un corso Tek dopo esserci scambiati l'attrezzatura sul fondo ed averla usata un po' è uscita ed ha detto "voglio questo jacket!" (non era un 40+40 con doppio corrugato!). Si potrebbe obiettare che non ha provato anche quello, io, però, dubito che la procedura e l'utilizzo sarebbero stati cosí¬ semplici ed intuitivi con un 40+40 con doppio corrugato!
Bye bye
M@lly
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuovo gav 27/05/2008 09:26 #70

  • Marcolman
  • Avatar di Marcolman
  • OFFLINE
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 206
  • Karma: 0
Ciao e scusate leggo solo adesso e mi è dovuto l'intervento.
MA IN QUALE FILM USATE LA STAGNA COME ridondanza del gav????? Ma avete mai lontanamente provato a uscire da un tuffo dondo solo con la stagna???
Ho avete colli e polsi incollati alla pelle o ve lo scordate, almeno che non proviate a 15 mt., ma io sto parlando di tuffi tec.

State sereni e buona giornata.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuovo gav 27/05/2008 21:35 #71

  • maxx
  • Avatar di maxx
  • OFFLINE
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 122
  • Karma: 0
<i>MA IN QUALE FILM ....</i>

Guarda che un concetto non diventa meno sbagliato se espresso in modo "colorito" e scrivendolo in maiuscolo....Comunque, siccome non mi piacciono le polemiche, rispondo concretamente.

<i>Come ridondanza del GAV .... ?</i>

Le tue obiezioni sono fondate se la "pesata" e' per un assetto "pesante" (sorry per il gioco di parole) e/o se si usa una muta di materiale comprimibile (neoprene di spessore non trascurabile). In tal caso infatti il GAV dovra' raggiungere, per il corretto equilibrio, un volume nettamente superiore (e cosi' quello della stagna in caso di utilizzo come back up) rispetto alle nostre "premesse" dei messaggi precedenti.

<i>Avete mai provato ...?</i>

Ovviamente si, molto spesso (anche in "tuffi fondi", come tu li chiami, e con piu' decompressive). Quello che diciamo e', come ribadito molte volte, subordinato a determinate scelte di assetto e di attrezzatura ( vedi post precedenti) ed e' dimostrabile sia con un banale calcolo sia appunto sperimentando di persona.

<i>almeno che non proviate a 15 metri....</i>

Di nuovo, solo con muta di materiale comprimibile il GAV dovra' assumere volumi sempre maggiori man mano che si scende in profondita' (deve ovviamente compensare anche la perdita di galleggiabilita' del neoprene). Invece con mute di materiale incomprimibile, a parita' di altre condizioni (in particolare il peso del gas) il volume necessario sara' sempre quello : se a 20 metri ho bisogno di 9 litri nel GAV, avro' bisogno di 9 litri anche a 90 metri (in realta', a 90 avro' intanto consumato piu' gas e il volume necessario diventera' addirittura minore). Anche questa dimostrazione e' banale.

<i>Collo .... </i>

Certo nelle condizioni di cui sopra (assetto "pesante", muta in neoprene, magari molto aderente) puo' presentarsi anche il problema di fuoriuscita aria dal collo, aggravato se si preferisce tenere una posizione verticale anziche' orizzontale

<i>Io sto parlando di tuffi tec</i>

Anche noi , ma soprattutto ne facciamo (tutte le settimane, salvo casi assolutamente eccezionali, che poi "recuperiamo"). Ti invitiamo a unirti qualche volta a noi (scusa Molly se parlo anche per te), cosí¬ verificherai tutto di persona .

In conclusione, rispettando le premesse piu' volte descritte (ripeto: assetto neutro a GAV sgonfio con bombole praticamente vuote e con minimo gas nella muta stagna per un corretto comfort, "pesata" non influenzata dall'eventuale sgancio di bombole deco , ovvero decompressive in alluminio, muta in materiale non comprimibile, capacita' di gestione dell'assetto e dell'attrezzatura etc.) allora il GAV monosacco e' una ottima scelta .

Chi invece preferisce fare diversamente (assetto piu' "pesante", muta in neoprene di spessore non trascurabile, magari bombole deco in acciaio, posizione quasi verticale, etc.) allora e' giusto che abbia anche un bel GAV bisacco...

Saluti a tutti

Massimo

L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuovo gav 28/05/2008 08:25 #72

  • Marcolman
  • Avatar di Marcolman
  • OFFLINE
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 206
  • Karma: 0
Ciao,
scusami per il modo scherzoso, le mie domande non erano rivolte a fare polemiche inutili, sono solo date dal fatto che in prima persona ho provato ad usare la muta stagna come dici tu come GAV e devo dirti che mi è sembrata una STR....., anche se la pesata è corretta.
Il collo se è della giusta misura e anche se hai la pesata corretta non tiene assolutamente sovrapressioni elevate e non credo che dipenda dal materiale della muta, ma credo dipenda dall'elasticití  del materiale con cui il collo è fatto.
Ho provato con Muta in Trilaminato e con Muta in Neoprene a cellule aperte (quindi Negativa) e il discorso non è cambiato. Inoltre non credo che utilizzando la stagna come un gav, anche l'assetto ne risenta molto almeno per quanto mi riguarda.
Non ritengo la stagna uno strumento che possa essere considerato come ridondanza del Gav però sai...
tutto è discutibile, credo allora che sia meglio portarsi con se un bel pallone da 30/40 lt con valvola e nel caso fare con quello, non sarí  bello però esci dall'acqua e porti la pellaccia a casa.
Ciao a Presto

State Sereni
Marco
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.078 secondi

Traduttore