Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: manifold,chiuso o aperto

manifold,chiuso o aperto 17/12/2008 18:36 #1

  • buddy tek
  • Avatar di buddy tek
  • OFFLINE
  • Junior Boarder
  • Messaggi: 25
  • Karma: 0
ciao a tutti,da un pochino su consiglo di un mi amico,con esperienze da grotta tengo il manifold chiuso,in modo che nelle consuete immersioni da me svolte quasi sempre oltre 50 metri in aria,in caso di erogazione continua o di un guasto ho sempre almeno 80 bar nell'altra per guadagnare l'uscita,chiaramente alterno gli erog.
premetto che gente veramente esperta,una volta su un milione che ha avuto tali problemi lí  sotto,se non aveva qualcuno vicino a cui sfilare l'erogatore.............. [xx(].vi lascio immaginare.mi dite la vostra.grazie.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

manifold,chiuso o aperto 17/12/2008 21:17 #2

  • poseidon
  • Avatar di poseidon
  • OFFLINE
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 247
  • Ringraziamenti ricevuti 8
  • Karma: -4
Hai fatto una domanda che richiede pagine di discussioni.
Fai benissimo a tenerlo chiuso!!!
Anzi, ti dirò di più......io non mi fido neppure del manifold chiuso.
SEMPRE E SOLO DUE BOMBOLE SEPARATE.
A questo punto qui tutti diranno la propria opinione, ma credimi, se vuoi veramente essere sicuro e autonomo è L'UNICA SOLUZIONE.
L'unico, ripeto l'unico, vantaggio del manifold è, la possibilití  di recuperare la miscela di entrambe le bombole......a patto che tu riesca a chiudere in tempo e in modo corretto il giusto rubinetto!!!
Ma a che pro? Se hai un problema tale che ti lascia con un solo erogatore, cosa te ne fai di tutto il gas se devi interrompere l'immersione? Se programmi e rispetti i consumi, risali tranquillamente anche con una sola bombola.
Puoi fare tutti gli esercizi che vuoi, ma a 100m, al lago con l'acqua a 5-6 gradi, al buio, con i guanti grossi a 3 dita e SOTTO STRESS......se ti parte un manometro, SEI FOTTUTO!!!!!! Quindi lascia stare tutti gli esercizi di VALVE DRILL.......in piscina gli fai, ma in pratica non sevono a nulla.
Per fortuna a me non è mai successo, ma so x certo, che se esplode una frusta dell'alta pressione, PRIMO non vedi più nulla dalle bolle e SECONDO nel giro di pochi secondi si svuota la bobola o peggio il bibo, se hai il manifold (cagata americana).
Quindi riassumendo:
1. DUE BOMBOLE SEPARATE
2. DUE EROGATORI
3. DUE MANOMETRI
4. RESPIRA ALTERNATIVAMENTE 20-30 BAR MAX
Metti del nastro colorato su ogni coppia erogatore e manometro x sapere sempre cosa respiri e la scorta di miscela.
Per chi non lo fa, cambiare erogatore sembra una rottura, ma col tempo diventa automatico e anzi, in caso di sfiga, sei velocissimo a cambiare e pronto x risalire.
Ciao.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

manifold,chiuso o aperto 18/12/2008 06:09 #3

  • Attilio
  • Avatar di Attilio
  • OFFLINE
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 5
  • Karma: 0
Non entro nel merito del tuo suggerimento, personale e condivisibile anche se preferisco il manifold parzialmente aperto ma, come da te citato:
<div class="quote"><i>Messaggio di poseidon</i>
<br />Hai fatto una domanda che richiede pagine di discussioni.
</div class="quote">

Mi permetto però di correggere una tua affermazione:
<div class="quote"><i>Messaggio di poseidon</i>
<br />...
Per fortuna a me non è mai successo, ma so x certo, che se esplode una frusta dell'alta pressione, PRIMO non vedi più nulla dalle bolle e SECONDO nel giro di pochi secondi si svuota la bobola o peggio il bibo, se hai il manifold (cagata americana).
...</div class="quote">
Certamente non ti è mai successo neppure di avere problemi con la frusta di bassa, è in tal caso che si verifica quanto da te riportato; il problema con la frusta di alta spesso si limita (ESAGERO!!!) alla perdita delle funzionalití  del manometro ed hai tutto il tempo per chiudere il primo stadio e passare (ove serva) all'erogatore sull'altro, infatti:
<div class="quote"><i>Manuale "il sommozzatore tecnico" TSA pagina 122</i>
Prova effettuata utilizzando un monobombola 12L caricato a 210 bar e dotata di erogatore Apeks TX50 a tre diverse profonditíƒ (0 - 30 - 70 m)

Tempi di svuotamento a 0 metri:
- Disco di rottura: 72 secondi
- Rottura frusta HP: 22 minuti
- Rottura frusta LP: 83 secondi
- Free flow di un erogatore ad alte prestazioni: 255 secondi

Tempi di svuotamento a 30 metri:
- Disco di rottura: 71 secondi
- Rottura frusta HP: 21 minuti
- Rottura frusta LP: 81 secondi
- Free flow di un erogatore ad alte prestazioni: 155 secondi

Tempi di svuotamento a 70 metri:
- Disco di rottura: 70 secondi
- Rottura frusta HP: 21 minuti
- Rottura frusta LP: 81 secondi
- Free flow di un erogatore ad alte prestazioni: 91 secondi
</div class="quote">

Il "disco di rottura" è un'americanata, un disco di teflon tipico di alcune rubinetterie americane che si rompe in caso di sovrapressione della bombola evitando esplosioni [:0].

Ciao - Attilio
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

manifold,chiuso o aperto 18/12/2008 13:10 #4

Ciao a tutti
per pura statistica esiste qualcuno a cui è "esplosa" una qualsiasi frusta in immersione o abbia subito un' esplosione di un manometro o di una rubinetteria.....insomma qualcuno al quale, per una rottura di un qualsiasi marchingegno, si siano svuotate le bombole in immersione ?
Come incidente si potrebbe anche essere ingoiati da uno squalo o dare una pinneggiata ad una mina ed esplodere con ascesa diretta verso S Pietro . Ma per questi "inconvenienti" che precauzioni prendete voi ??
Il mono e' pieno di fenomeni......mancano i circhi !
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

manifold,chiuso o aperto 18/12/2008 13:36 #5

  • Lorenzo
  • Avatar di Lorenzo
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1575
  • Ringraziamenti ricevuti 15
  • Karma: 3
Credo che sia molto più probabile un blocco in continua di un erogatore, magari dovuto al freddo. In questo caso, i tempi di reazione sono circa gli stessi necessari in caso di rottura della frusta di bp. Se non si è pressoché immediati nell'intervento, la bombola finisce MOLTO in fretta.
Tanto per discutere un po', si potrebbe ipotizzare come via di mezzo, di tenere aperto il manifold di circa 1/2 giro, quel tanto che basta a mettere in comunicazione le due bottiglie ed evitare i cambi erogatore. In caso di necessití , il tempo per chiudere sarebbe estremamente breve.
Però...
Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

manifold,chiuso o aperto 18/12/2008 14:12 #6

  • Wobegong
  • Avatar di Wobegong
  • OFFLINE
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 145
  • Karma: 0
Ciao a tutti.
Personalmente utilizzo due bombole separate con tre rubinetti (due su quella di destra e uno su quella di sinistra) e devo dire che il sistema non è male e comunque ho queste bombole e visto che sono in perfette condizioni, non ho nessuna idea, neanche lontana, di cambiarle. Sul piano teorico in ongi caso sono un gran sostenitore del manifold chiuso. Innanzitutto, in caso di erogazione continua (qualunque sia la causa), se anche non dovessi riuscire a chiudere il rubinetto (nel qual caso recupereri poi il gas aprendo il manifold, che poi è il grande vantaggio di questo metodo rispetto alle bombole separate), mi si svuoterebbe solo una bottiglia e avrei dunque aria sufficiente per raggiungere quote deco e fare il cambio gas. Peraltro per mantenere la quantití  di gas delle bombole a pari utilizzo la respirazione alternata, metodo che trovo molto utile anche per mantenere più alti i livelli dell'attenzione, fattore che penso contribuisca ad aumentare la sopportazione della sintomatologia narcotica e che, utilizzando manifold chiuso, diventa quasi obbligatorio, come per la configurazione a bottiglie separate.

QUindi voto per il manifold chiuso, ma credo si fosse capito!!!!

Buone bolle
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.074 secondi

Traduttore