Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: VPM: indipendenza dal ritmo respiratorio

VPM: indipendenza dal ritmo respiratorio 09/03/2008 18:58 #1

  • ZUZZU
  • Avatar di ZUZZU
  • OFFLINE
  • Junior Boarder
  • Messaggi: 28
  • Karma: 0
Variando il parametro del "consumo" in fase di fondo ma volendo anche in deco, vpm calcola solo il diverso consumo totale di miscela, ma NON cambia minimamente la deco totale[:(!].
Eppure mi sembrerebbe logico, che, a parití  di tempo di fondo e profondití , un consumo di 30L/min dovrebbe far accumulare più inerte rispetto ad un consumo di 15L/min, con conseguente deco più lunga.
Che ne dite? Qualcuno sa perchè questo parametro non è stato inserito tra le variabili di calcolo?
Fate delle prove e vedrete.

Grazie a tutti
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

VPM: indipendenza dal ritmo respiratorio 10/03/2008 09:23 #2

  • Lorenzo
  • Avatar di Lorenzo
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1537
  • Ringraziamenti ricevuti 14
  • Karma: 3
E' un problema di tempi di emisaturazione. Ad una certa pressione, il tempo di emisaturazione non cambia in funzione di quanto ventili, o cambia molto poco, per cui ai fini decmpressivi è ininfluente che tu imposti su vplanner un volume di 20 lt/min invece che di 16.
... credo...
Lorenzo
Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

VPM: indipendenza dal ritmo respiratorio 10/03/2008 17:39 #3

  • ZUZZU
  • Avatar di ZUZZU
  • OFFLINE
  • Junior Boarder
  • Messaggi: 28
  • Karma: 0
Grazie x la risposta.
Ci avevo pensato anch'io, ma, secondo me, questo vale x i tessuti veloci...........una volta saturi......sono saturi anche se respiriamo 50L/min!!!!!
Ma quelli medi e lenti?
Nella "teoria" della decompressione, l'inerte che va in soluzione, dovrebbe in qualche modo dipendere da quanto ne "mettiamo a disposizione" con la respirazione.....o no?

Magari sto scrivendo un sacco di ca..ate, ma il dubbio mi rimane.
Ciao
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

VPM: indipendenza dal ritmo respiratorio 11/03/2008 09:13 #4

  • Lorenzo
  • Avatar di Lorenzo
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1537
  • Ringraziamenti ricevuti 14
  • Karma: 3
Non sono un medico e non sono un guru della subacquea, ma secondo me, se ventili tanto metti a disposizione dei tessuti circa lo stesso quantitativo di inerte che con la respirazione normale, anche perchè l'inerte arriva ai tessuti medi e lenti, grazie ad un tessuto veloce. E comunque, il tempo di emisaturazione resta invariato a parití  di pressione a cui sei sottoposto.
E' vero che la decompressione non è scienza esatta, ma se dovessimo tenere conto anche dell'effettiva ventilazione, non sarebbe più possibile fare delle tabelle o applicare metodi decompressivi "standardizzati" (tipo la memodeco).
Lorenzo
Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.064 secondi

Traduttore