Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1
  • 2

ARGOMENTO: universalità dei brevetti

universalití  dei brevetti 19/03/2009 16:48 #7

  • boldino
  • Avatar di boldino
  • OFFLINE
  • Senior Boarder
  • Messaggi: 64
  • Karma: 0
Ciao Armando.
Premetto che sono un "laghe", come si dice dalle nostre parti.

Non sono pienamente d'accordo con te sul fatto che un brevetto fatto sulla barriera corallina non ha un valore nemmeno paragonabile a quello fatto nel lago (vulcanico o alpino).
Chi ha ricevuto un brevetto in posti cosí¬ diversi si sarí  solo preparato per affrontare le specifiche difficoltí  del posto.
Esempi.
1)Ho visto gente bravissima in qualsiasi condizione al mare (mare agitatissimo, corrente fortissima) bloccarsi in una semplicissima immersione al lago causa freddo e soprattutto il nero che ci circonda.
2)Ho visto bravissimi sub da lago (PIT61 avrí  molti esempi) aver paura a buttarsi da una barca, non aver nessuna idea di come comportarsi con la corrente o la risacca, addirittura aver paura di un pochino di onda.
Quello che fa la differanza sono le esperienze trascorse.

Ogni tanto vado a fare immersioni in torrente. Quanta gente del forum è preparata ad affrontarle? Poche, eppure ci sono dei sub preparatissimi e molto bravi.

Mamma mia come sono stato prolisso.
Ciao
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

universalití  dei brevetti 19/03/2009 18:14 #8

  • superembolo
  • Avatar di superembolo
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 448
  • Ringraziamenti ricevuti 1
  • Karma: 0
Ciao boldino forse gente che si blocca al lago per il freddo o per il nero che li circonda,o non aveva la muta o non era poi cosí¬ brava,bravissimi sub da lago non sapere come buttarsi da una barca o cosa fare in caso di corrente o risacca,(forse anche questi tanto bravissimi non sono)quello che fí  la differenza sono le esperienze(qui sono d accordo ma se non hai mai fatto immersioni dalla barca,in corrente o in un lago sei uno dei tanti che ví  in acqua) Concordo pienamente con baron l ambiente in cui viene fatto il corso influisce e tanto,poi spetta all istruttore preparare il ragazzo nel migliore dei modi.Personalmente non ho mai fatto immersioni in torrente,ho fatto dighe controcorrente( in esercitazione) ma sono sicuro che se devo fare un immersione in un fosso fiume o torrente che sia una volta entrato qualcosa mi invento,sicuramente non senza difficoltí  ma se ho uno che le fí  davanti a me puoi scommettere che se ví  lui vado io,non perchè sono migliore di altri(anche quello)ma proprio perchè sono preparato per andare in ambienti ostili e anche se mi capita di trovarne uno mai incontrato prima è grazie alla testa, che se si può trovare una soluzione la trovo.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

universalití  dei brevetti 19/03/2009 18:22 #9

  • pit61
  • Avatar di pit61
  • OFFLINE
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 272
  • Karma: 0
Hai ragione, tante chiacchere non servono a granchè. La preparazione di ognuno viene data dagli insegnanti che ha avuto, dalle esperienze vissute e da quanto si immerge. Dare un medaglia a chi si immerge al lago solo perchè sa soffrire il freddo non è una cosa sensata . Personalmente ho fatto immersioni in lago , tra l'altro con pessima visibilití  , sempre inferiore ai due metri, che non mi hanno granché impensierito . Anche la corrente e il mare brutto non mi tangono più di tanto . Quello che a volte mi obbliga a soffermarmi a pensare, é la speranza di essere sempre all'altezza sia fisica che mentale, per l'immersione che devo svolgere: questa potrebbe essere una maturití  che ci può salvare la buccia . Etichette e chiacchere rimangono sempre a zero .
Ave Cesari!
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  • Pagina:
  • 1
  • 2
Tempo creazione pagina: 0.033 secondi

Traduttore