Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1
  • 2
  • 3

ARGOMENTO: Piroscafo Ravenna 90metri

Piroscafo Ravenna 90metri 14/09/2018 06:36 #7

  • Lorenzo
  • Avatar di Lorenzo
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1685
  • Ringraziamenti ricevuti 20
  • Karma: 3
un mio caro amico, mettendo del 15/50 nella stagna, per ben 2 volte ha avuto episodi di leggere "cutanee" da controdiffusione isobarica (gas deco ean 40). Quando usava il 17/40, mai nulla. Lo sconsiglio vivamente. Anch'io metto aria nel bombolino... Lo uso proprio perché se salta qualcosa non gonfia piùdi tanto e non vuoto gas utile...
Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Piroscafo Ravenna 90metri 14/09/2018 08:15 #8

  • manetta
  • Avatar di manetta
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • who dares wins
  • Messaggi: 875
  • Ringraziamenti ricevuti 13
  • Karma: 2
Lorenzo ha scritto:
un mio caro amico, mettendo del 15/50 nella stagna, per ben 2 volte ha avuto episodi di leggere "cutanee" da controdiffusione isobarica (gas deco ean 40). Quando usava il 17/40, mai nulla. Lo sconsiglio vivamente. Anch'io metto aria nel bombolino... Lo uso proprio perché se salta qualcosa non gonfia piùdi tanto e non vuoto gas utile...

Pienamente d'accordo sul non usare frazioni di He importanti nella stagna, ci mancherebbe..., lo sappiamo bene che in teoria potrebbe portare ad episodi di controdiffusione isobarica, anche se, considerati i tempi medi di permanenza di un sub ed il fatto che sotto la stagna siamo vestiti e non a contatto diretto col gas, l'eventualità è "remota". Poi è soggettivo, come per tutte le cose, c'è chi "non sente", o quasi, l'effetto dell'Azoto in profondità e chi è già in narcosi a 20 metri ... :whistle: , ma, in definitiva, è assolutamente corretto non incentivare l'uso di miscele ricche di Elio per alimentare la stagna, sono pienamente d'accordo.
Altra cosa è essere in "emergenza" per un qualsivoglia motivo, e non avere altro a disposizione ... per questo è sempre meglio, secondo me, avere delle fruste sulle deco ( ovviamente non su quella dedicata O2 :woohoo: ), così come mantenere la frusta "di scorta" sul bibo, anche se è caricato con un 10/70. Non farà molto "figo", da "uomini neri", ma può tirarti fuori dalla cacca, se serve.

Sul discorso bombolino, secondo me, è molto da "gusti personali" e non sono pienamente d'accordo sul fatto che " se salta qualcosa non gonfia più di tanto e non vuoto gas utile ..." , dipende da cosa e come salta ... adesso rispondo anche a Paolino che così ampliamo il concetto ...
mai strach


l'Uomo non può scoprire nuovi oceani, se non trova il coraggio di perdere di vista la riva.



HElio, O2lio e peperonciN2o
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Piroscafo Ravenna 90metri 14/09/2018 08:59 #9

  • Lorenzo
  • Avatar di Lorenzo
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1685
  • Ringraziamenti ricevuti 20
  • Karma: 3
Se il bombolino va in continua, è un 0,85 o al massimo un 2 litri. Se sei collegato al bibo o a una stage, sono 10 litri. Se per un qualunque motivo non riuscissi a staccare la frusta, il bombolino smette di caricare in fretta, la stage ti porta fino fuori dall'acqua... Poi, in emergenza, vale tutto, ma come prassi mi sembra poco prudente. Le fruste sulle stage le ho anch'io, principalmente per cambiare diluente e/o avere ossigeno "offboard", ma in emergenza...
Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Piroscafo Ravenna 90metri 14/09/2018 09:01 #10

  • manetta
  • Avatar di manetta
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • who dares wins
  • Messaggi: 875
  • Ringraziamenti ricevuti 13
  • Karma: 2
Paolino79 ha scritto:
In mare uso aria, al lago per immersioni lunghe argon
Su tutte le stage ho fruste di bassa pressione per gonfiare pallone ecc.ecc sabato quando ho svuotato bombolino ,( botto pazzesco , onestamente ho pensato ad una frusta) :ohmy: ho poi ricollegato la stagna alla 50/20 , ma già li ho avuto conferma che la valvola di carico era andata a puttane!. :S
Staccato tutto e finito la deco. :P
Per me il manifold è sempre chiuso e alterno la respirazione , questo è il mio approccio che poi mi sembra anche il tuo ;) , unica deroga è quando uso scooter che avendo sempre mani impegnante , non voglia di cambiare erogatore. :whistle:
Detto questo mi alleno praticamente tutte le immersioni con valve-drill infatti a -85 ho chiuso tutto in tempo zero, anche se poi la perdita era altrove.

Pero nel tuo caso se avessi avuto bombolino dedicato avresti avuto più bottom gas per gestire la questione, ad ogni modo di gas ne abbiamo e deve essere sempre abbondante, se non c'è quello non si ha tempo per sistemare le questioni.
:cheer:


Lo so che usi Argon al lago , come molti altri ..., per questo ti ho tirato la frecciatina riguardo il reale comportamento dell'Argon :silly:

Un tempo la frusta sulle stage non la usavi, così come tenevi il manifold aperto, o ricordo male ...? :whistle: Ti ricordi che ne abbiamo parlato, tra le altre cose, riguardo ai "trucchi" del "solo dive" che tu, allora, non frequentavi?

Adesso lo so che da un certo tempo adoperi questa configurazione, corretta secondo me sopratutto per i tuffi davvero fondi e/o impegnativi. Quello che non "condivido" è il fatto che se usi lo scooter allora apri il manifold per " non aver voglia" di cambiare erogatore ... è vero che se sei allenato al valve-drill ( bisogna sempre esserlo ! ça va sans dire ... ) te la cavi, così come te la sei cavata, ma non si sa mai ... ( ogni toccata è ammessa :P ).
Se sei convinto e consapevole dei vantaggi offerti dal manifold chiuso ( gli "svantaggi" li conosciamo ...), allora dovresti adoperarlo sempre, scooter o non scooter, nei sopracitati tipi di tuffi.

Io sono "nato" con l'assunto " un manometro per ogni primo stadio", poi sono andato ad esplorare ( come tanti, se non tutti ,,,) altre e varie configurazioni, ma alla fine sono tornato alle origini e devo dire che, secondo me, è sempre la soluzione migliore, anche se non quella "più bella" o "più pulita" da vedere.
Quando ho provato a tenere un solo manometro clippato al Dring basso a sx. con frusta di adeguata lunghezza ( stile ... ci siamo capiti ), per svariate decine di tuffi, ero "bello pulito", ma un conto è se devi guardare il manometro "ogni tanto", un conto ogni pochi minuti, sopratutto se sei carico di stage ... e poi corri sempre il rischio di danneggiarlo o di "fartici su".
Ho provato varie altre disposizioni di fruste e manometro/i, ma alla fine sono tornato alla mia iniziale personalissima configurazione : 2 fruste di adeguata lunghezza, una per ogni manometro ( parlando del bibo), che arrivano una da dx. e una da sx. ( l'ovvietà ... ognuna relativa al proprio primo stadio ), passando sotto l'ascella e clippate sul relativo Dring alto; quando sei in acqua non le senti neanche, non danno assolutamente fastidio e le hai sempre davanti agli occhi a mo' di pendant di un reb. Le tengo "insieme e sotto vista" collegandole tra loro con una doppia luce che se serve può sempre tornare utile ... il manifold lo tengo aperto di 1 giro e 1/2 quando non "spingo" e quindi respiro solo da quello di dx. , quando invece ci do dentro allora lo tengo "puntato" ( chiuso, ma non serrato...) ed alterno la respirazione ogni 50 bar.

Così facendo la sfanghi sempre ( ovviamente se hai ben calcolato e programmato ...) e avrai sempre la riserva di gas adeguata per uscirne, stagna compresa, sapendo SEMPRE quanto gas ti resta nel bibo, sia che tu abbia chiuso il manifold ( nel primo caso ) , sia che tu l'avevi già chiuso ( secondo caso ), indipendentemente dal fatto che poi, una volta chiuso il rubinetto relativo al guasto se serve, tu abbia rimesso in collegamento o meno le due bottiglie.

Nel caso che ti ho descritto la situazione era ancora differente, perchè mi ero fatto al volo un bibo con bottiglie separate ( fisicamente ... non c'era manifold ) che il D12 solito era ipossicamente carico e volevo farmi lo stesso un bel giro fondo in aria ( infatti avevo anche una S80 di aria appresso ) e ne sono uscito bene comunque senza problemi, la dinamica è stata "particolare", ma mi sono già dilungato troppo, eventualmente un'altra volta, ciao.




P.S. quando uso il " tu ", non mi riferisco a te in particolare, ma in senso lato ...
mai strach


l'Uomo non può scoprire nuovi oceani, se non trova il coraggio di perdere di vista la riva.



HElio, O2lio e peperonciN2o
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Piroscafo Ravenna 90metri 14/09/2018 09:12 #11

  • manetta
  • Avatar di manetta
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • who dares wins
  • Messaggi: 875
  • Ringraziamenti ricevuti 13
  • Karma: 2
Lorenzo ha scritto:
Se il bombolino va in continua, è un 0,85 o al massimo un 2 litri. Se sei collegato al bibo o a una stage, sono 10 litri. Se per un qualunque motivo non riuscissi a staccare la frusta, il bombolino smette di caricare in fretta, la stage ti porta fino fuori dall'acqua... Poi, in emergenza, vale tutto, ma come prassi mi sembra poco prudente. Le fruste sulle stage le ho anch'io, principalmente per cambiare diluente e/o avere ossigeno "offboard", ma in emergenza...

Vabbè, dai ... che adesso uno non riesce a staccare la frusta dalla stagna ( oltre che aprire la valvola di scarico della stessa che , in teoria, dovrebbe fare uscire più aria di quella che entra ) e neanche a chiudere il rubinetto relativo al guasto e che così venga poi "catapultato" fuori ... mi sembra uno scenario molto "tirato", per realizzarlo dovrebbero concatenarsi vai eventi tipo tempesta perfetta, non ultimo le capacità mediocri dell'ipotetico subacqueo in questione.
Se uno ha le giuste capacità ed attitudini ( altrimenti è meglio che lasci stare ...) e si tiene sveglio ed allenato, è quasi impossibile che ciò avvenga ( quasi ... nb ).
Non c'è niente di pericoloso, secondo me sia ben chiaro ... , nel non usare il bombolino per la stagna, anzi ... poi, de gustibus.
Ciao.
mai strach


l'Uomo non può scoprire nuovi oceani, se non trova il coraggio di perdere di vista la riva.



HElio, O2lio e peperonciN2o
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Piroscafo Ravenna 90metri 14/09/2018 09:52 #12

  • Paolino79
  • Avatar di Paolino79
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 572
  • Ringraziamenti ricevuti 5
  • Karma: 2
Io sempre manifold chiuso, da sempre.
Avrò fatto qualche(2/3 massimo) mese post corso del 2011 ma poi mi sono convertito subito al manifold chiuso.
La frusta di basse sulle stage dal 2014.
Ho letto tanto anche su questo forum e durante il corso tek50 mi hanno illustrato entrambe le configurazioni ma poi ho fatto la mia scelta.
Praticamente da subito.
Inizialmente mi aiutava a tener "controllata" narcosi con cambi ogni 4' poi oggi a maggior ragione questo tipo di approccio per come la vedo io è fondamentale per solo diving e immersione fonde, una parte di gas la porti sempre a casa!

Due manometri male non fanno e fastidio neache e sicuramente meglio di aver clippato a sx tra altre 3 moschettoni,....

i vantaggi di NON alternare a mio avviso sono di gran lunga minori di alternare.
Ultima modifica: 14/09/2018 09:58 da Paolino79.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  • Pagina:
  • 1
  • 2
  • 3
Tempo creazione pagina: 0.041 secondi

E' possibile la ricerca attraverso il menu oppure direttamente selezionando la regione o la nazione desiderata sulle mappe.
Per ogni diving sono disponibile le informazioni dettagliate cliccando sul link del nome.
Utilizza le intestazioni delle colonne per riordinare i risultati.

Buona continuazione.

Traduttore